Rimini da amare

“Romagna e Sangiovese, sei sempre nel mio cuore
Quest’aria di paese ci invita a far l’amore…”

 Il blog tour #RiminiTipica si è concluso da qualche giorno e io non ho ancora avuto il tempo di scrivere niente… ma non vi preoccupate, ora recupero ;-)

Dopo un aprile piuttosto pesante e dopo aver dovuto rinunciare al weekend in Umbria, per nessun motivo al mondo mi sarei persa l’opportunità di essere accompagnata in zir par la Rumagna (in giro per la Romagna, n.d.a.) da miei conterranei, gli Albergatori Tipici Riminesi. Io sono romagnola e sono molto attaccata alla mia terra, alle mie origini, alle tradizioni di una volta. E per tanti anni ho lavorato in alberghi della riviera, quindi ho una vaga idea di cosa voglia dire accogliere i turisti nella nostra Romagna. Ma questi albergatori riminesi hanno stupito anche me: non solo hanno dato vita a un consorzio che cerca di promuovere il territorio nel suo complesso ma portano avanti il concetto della promozione turistica con la voglia di regalare ai visitatori un’esperienza unica, alla scoperta delle tipicità della Romagna proponendo piuttosto che la “Rimini da mare”, una “Rimini da amare”.

E lo fanno con genuina semplicità, con la passione, la cordialità e l’autenticità che è tipica degli alberghi a conduzione famigliare, dove i rapporti interpersonali si sviluppano tanto che alla fine il turista diventa un amico di famiglia. E come giustamente ha detto Leandro Coccia, presidente del consorzio, a volte ci si dimentica addirittura il nome dell’albergo identificando il luogo delle proprie vacanze con il nome del gestore o proprietario. Ecco dunque che le vacanze sono caratterizzate da frasi tipo: “si va una settimana da Marco”; “quest’anno torniamo dai Samuelli”; “a Rimini ci aspetta Massimo”; “non vedo l’ora di rivedere Claudia”; “spero che Cristina abbia una stanza per me”.

Siccome poi questi albergatori sono ambiziosi, non vogliono solo che tu ti senta come a casa tua ma vogliono farti stare bene a casa loro e soprattutto farti innamorare della loro terra, fartela vedere e apprezzare come la vedono e apprezzano loro. Ed ecco che studiano tutti insieme un modo per promuovere il loro territorio. Un modo per consentire al turista di coniugare una vacanza al mare con delle escursioni nell’entroterra alla scoperta dei tesori storici, delle prelibatezze enogastronomiche e della ricchezza culturale che la nostra regione ha da offrire.

A me hanno permesso di visitare, stupita, una meravigliosa Verucchio, in cui non ero mai stata (sebbene disti solo 15 Km da casa mia); di ritrovare la magica bellezza di San Leo, dove invece ero già stata diverse volte; e di venire a conoscenza di una incredibile Sant’Arcangelo di Romagna, sotterranea e agreste, che non vedo l’ora di raccontare. Tutte cittadine tipicamente romagnole, che mantengono il collegamento con il mare grazie a spettacolari terrazze panoramiche che dominano oltre 70 Km di costa adriatica!   

Nei prossimi giorni entrerò nei particolari e vi racconterò qualcosa in più su questi borghi dove si sono avvicendate le storie di potenti famiglie, si sono consumati grandi amori e si preparano specialità tipiche da assaporare. E dove si propone un turismo slow alla riscoperta dei piaceri della vita: ottimo cibo, buona compagnia, suggestivi scenari naturali. La Romagna è tutto questo e per concludere cantando, come ho cominciato “Evviva la Romagna, evviva il Sangiovese!”

###############

Rimini to love

The #RiminiTipica blog tour ended last Sunday and I haven’t had any time to write a single word about it yet… well, here I am ;-)

A quite hard April forced me to renounce to an already agreed weekend in Umbria, but nothing could prevent me from touring Romagna together with the typical Rimini hotel keepers. I’m from Romagna as well, and I’m very attached to my home land, my origins and past traditions. I’ve also been working in hotels for many years, so it happens I know what welcoming tourists in Romagna does mean. Nonetheless, this group of hotel keepers amazed me: not only did they found a consortium through which they’re trying to promote the territory, but they’re also fostering a kind of tourism based on what’s typical about Rimini. Through a unique experience in Romagna, they hope any kind of visitor could leave the old stereotype of the “Rimini of the seaside” and get closer to a “Rimini to love”.

And the simplicity, authenticity and passion they put in doing this stem from the key characteristic of our hotels, which are mainly family hotels: here interpersonal relationships become so strong that you check in as a tourist and check out as a family friend. As Leandro Coccia, the president of the consortium, put it, you sometimes forget the name of the hotel because you start referring to it using the proprietor’s name. Typical sentences about your holidays would then be like this: “we’re going to stay one week at Marco’s”; “this year we’ll be back to the Samuelli’s family”; “Massimo is waiting for us in Rimini”; “I’m looking forward to see Claudia again”; “I really hope I could still find an accommodation at Cristina’s”.

ValmarecchiaBeing very ambitious, these hotel keepers not only want you to feel at home, they do want that you are fully comfortable at their home. But what they do really want is that you fall in love with their land and let you see and enjoy it the way they do. That’s why all together they’re looking for a common way to promote their (our) territory, giving the tourist the opportunity to combine a sea holiday with some inland excursions where they can discover historical treasures, enjoy food and wine specialties and appreciate the cultural richness our home has to offer.       

This way I had the occasion to visit a wonderful Verucchio, where I’ve never been before despite it’s only 15 Km far away from home; I could rediscover San Leo once more and disclose an unknown underground as well as rural Sant’Arcangelo di Romagna. These are very typical little towns of Romagna linked to the seaside even though they are in the inland as you could watch the horizon from astonishing terraces and get the impression you’re dominating more than 70 Km of coastline!

I’ll go into the details in my next posts, trying to tell you something more about these villages where stories of powerful families alternated and great loves were consumed in ancient times while succulent specialities are prepared nowadays. A kind of slow tourism is proposed here for you to enjoy the true pleasures of life: good food, good company, evocative natural sceneries. Romagna is all of this, so we’ll wait for you to come and touch with your hand!

Informazioni su Aurora Domeniconi

Sono talmente innamorata della Scozia e appassionata di storia e cultura celtica che l'unico paese estero in cui potrei vivere è proprio la Scozia. Da qualche anno sono impegnata nella scoperta di tanti bei posti a me sconosciuti, soprattutto in Italia; approccio ogni meta con curiosità e genuino interesse. Adoro cucinare, anche se non ho molto tempo per farlo, nè gli strumenti adeguati a supportare questa mia passione; mi arrangio un po' come capita e soprattutto mi piace cucinare per condividere i risultati con gli amici. Enogastronomico è l'aggettivo che definisce tutti i miei viaggi.
Questa voce è stata pubblicata in Altri viaggi, Say it in English e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Rimini da amare

  1. Erika ha detto:

    Ma che belle esperienze che stai facendo, Aurora! Buona vita ed un bacione.
    Erika

  2. Irene ha detto:

    Sei una forza della natura!!!! Brava!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...